Uomo nuovo (L'). Dallo scimpanzè al bonobo

Uomo nuovo (L'). Dallo scimpanzè al bonobo
Listino:
€ 15,00
Prezzo:
€ 13,50
Risparmi:
€ 1,50 (10%)
Disponiblie immediatamente

Descrizione

Dina Nerozzi - Rubbettino - 2008 - pp. 190 - EAN 9788849819243

I valori tradizionali, frutto della millenaria storia giudaico-cristiana, sono sotto assedio e c’è in atto un tentativo di scardinarli per lasciare spazio al “progresso”. Nulla di nuovo sotto il sole. Da sempre chi si ribella a Dio, e alle leggi della natura, ritiene di poter costruire un mondo più bello e più giusto, ma il primo passo, indispensabile, verso la costruzione del nuovo mondo è la distruzione dell’esistente. Il nostro tempo è testimone del tentativo di liquidazione non solo di una civiltà millenaria, ma anche del concetto stesso di democrazia. E’ in atto una guerra culturale che propone nuovi modelli sociologici e antropologici che sono in contrasto con la cultura tradizionale. Ma è vero che l'uomo è solo frutto dell'evoluzione di una scimmia e in quanto tale è mosso da istinti e pulsioni che non riesce a governare? E vero che l'omosessualità è una tendenza naturale così come la pedofilia ecc.?  La guerra culturale in atto in Europa e nel mondo nasce dall’ideologia socialista. I numi tutelari della nuova rivoluzione radical-marxista sono due: la scienza e la giustizia. L’ideologia socialista ha sempre visto nella scienza un alleato naturale perché convinta che dalla scienza sarebbero giunte quelle verità capaci di scardinare le superstizioni religiose. Una volta piegata la scienza all’ideologia, resta un altro ostacolo da superare: la percezione profonda del popolo. Per far progredire il progetto si è resa necessaria la scesa in campo del potere giudiziario. Si ripropone allora l’inquietante quesito che Igor Shafarevich, dissidente matematico russo, poneva nel suo libro Il Fenomeno Socialista: «È bastata l’esperienza della Russia? È bastata per il mondo intero e specialmente per l’Occidente? Saremo in grado di comprenderne il significato? O il genere umano è destinato a passare attraverso questa esperienza su una scala immensamente più vasta?».