Coraggio, il meglio è passato

Coraggio, il meglio è passato
Listino:
€ 18,00
Prezzo:
€ 15,30
Risparmi:
€ 2,70 (15%)
Disponiblie immediatamente

Descrizione

Michele Brambilla - Mondadori - 2009 - pp. 192 - EAN 9788804586005

In pochi decenni è stata spazzata via una tradizione ultramillenaria che regolava il nostro modo di essere in famiglia, a scuola, sul lavoro, nel tempo libero. Tutto è stato stravolto con l'idea che tutto sarebbe migliorato.
E noi sembriamo colpiti da una singolare malattia: la convinzione di essere la generazione più intelligente nella storia dell'umanità. Ci crediamo più evoluti in ogni campo, non solo nelle scienze e nella tecnica, ma anche nella cultura, nella convivenza civile, perfino nel comune senso della morale. Ma è davvero così? Michele Brambilla ha compiuto un viaggio, da cronista, nel "come siamo" del paese reale, trovando un'Italia molto diversa rispetto anche solo a qualche anno fa: "Ho fatto un giro a zigzag per cercare che cosa è rimasto degli usi e costumi della mia infanzia e giovinezza. Ho trovato ben poco, qualcosina dimenticata qua e là, in qualche angolino. Il mondo attuale si sente più forte, più intelligente e più colto. Ho cercato di metterlo un po' a nudo, alla berlina; e di mostrarne le incongruenze, le ipocrisie, i nuovi conformismi".
Un tempo, ad esempio, la famiglia era il fulcro di tutto, si preferiva essere separati in casa piuttosto che romperla; oggi se non è "allargata " non merita neppure una fiction tv. I figli avevano sempre torto; oggi se vengono bocciati si ricorre al Tar. Il Natale era sacro anche per i non credenti; oggi pure i credenti evitano di festeggiarlo per non offendere i fedeli di altre religioni.
Insomma, ogni cosa è cambiata: la percezione della giovinezza e della vecchiaia, il rispetto per l'autorità e quello per la religione, il senso del denaro, della salute, della vita e della morte, ma perfino il divertimento, il modo di seguire il calcio, le vacanze, le gite scolastiche. In questo viaggio nell'esistenza quotidiana della gente comune Brambilla ha scoperto però che i nuovi stili di vita, i nuovi vizi, i nuovi tic, le nuove ipocrisie degli italiani smentiscono il luogo comune un po' infantile secondo il quale più si va avanti e più si migliora.
Senza essere nostalgici, possiamo condividere la battuta di Flaiano: "Coraggio, il meglio è passato".