Voglio una vita manipolata. Fecondazione, aborto, droga, eutanasia

Voglio una vita manipolata. Fecondazione, aborto, droga, eutanasia
Listino:
€ 12,00
Prezzo:
€ 10,20
Risparmi:
€ 1,80 (15%)
Disponiblie immediatamente

Descrizione

Francesco Agnoli - Ares - 2006 II ediz. - pp. 184 - EAN 9788881552549

«Voglio una vita manipolata»: Vasco Rossi non lo ha mai detto, ma nella sua celebre canzone reclamava una libertà intesa come autodeterminazione individualista, «che se ne frega di tutto». È questa in sintesi l’idea, oggi tanto più radicata, che ognuno sia l’artefice della propria fortuna e che la felicità e la libertà non siano una conquista, un cammino, una storia, come intese in passato, ma una soddisfazione immediata di un desiderio istintivo da raggiungere a ogni costo, per quanto momentaneo, scentrato, pretestuoso o perfino dispotico possa essere. Una tale concezione è frutto, spiega questo libro, del disconoscimento della legge naturale. Senza il riconoscimento nella realtà e nella stessa vita personale di un qualcosa che è dato, l’uomo contemporaneo non serve più l’ordine del mondo ma lo riplasma, manipolando la vita e la realtà, come dimostrano le modalità in auge della fecondazione artificiale, dell’aborto, dell’eutanasia e della promozione/consumo degli stupefacenti. Come scrive il direttore di Avvenire Dino Boffo nella prefazione, queste «pagine gettano una luce impietosa su una serie di fenomeni degenerativi nel rapporto fra tecnica e vita; scaturiscono però da un positivo intento provocatorio, di messa in allerta delle coscienze. Ma anche da una pretesa in più; quella di condurre un’analisi di ampio respiro circa le cause di tale dissesto etico». Il risultato? Non è dimostrato che l’uomo si dia da solo la felicità; più agevolmente, come recitava la canzone, può darsi «una vita piena di guai»